.
Annunci online

Attuazione art. 49 della Costituzione
2 aprile 2015, in Primo piano
Il 27 marzo del 2015 ho presentato una proposta di legge che disciplina la vita dei partiti politici in attuazione dell'articolo 49 della Costituzione e che delega il Governo all'adozione di un decreto legislativo di riordino delle disposizioni riguardanti i partiti politici. Qui trovate il testo e l'iter al Senato

continua >>



permalink | inviato da ugosposetti il 2/4/2015 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Proposta di legge
4 aprile 2011, in Primo piano

Disciplina dei partiti politici, in attuazione dell'articolo 49 della Costituzione, e delle fondazioni politico-culturali. Delega al Governo per l'emanazione di un testo unico delle leggi sulla disciplina e sul finanziamento dei partiti politici.
 


Presentata il 25 ottobre 2010
 


D'iniziativa dei deputati
 


Sposetti, Albonetti, Barbareschi, Boccia, Brandolini, Brugger, Capodicasa, Ceccuzzi, Colaninno, Cuperlo, D'Anna, Di Stanisalo, Esposito, Fadda, Gianni Farina, Fluvi, Fontanelli, Garavini, Gatti, Giacomelli, Gnecchi, Graziano, Lenzi, Lolli, Losacco, Lovelli, Luongo, Madia, Marchignoli, Marinello, Cesare Marini, Giorgio Merlo, Miglioli, Murer, Oliverio, Pagano, Pezzotta, Pizzetti, Porta, Quartiani, Rampi, Rugghia, Sani, Schirru, Servodio, Tidei, Touadi, Trappolino, Tullo, Vaccaro, Vella, Velo, Vignali, Zacchera, Zeller, Zunino.



continua >>
Buon compleanno Renato
12 febbraio 2010, in Primo piano

Il cielo sopra Firenze è terso, spazzato dal vento freddo che accompagna queste prime settimane del 2010. La sala verde del palafiera di Firenze è già piena di compagni, quasi tutti anziani, alcuni famosi, molti altri no.

Reichlin, Macaluso, Cervetti si salutano con militanti con cui condividono passioni e impegno lunghi una vita. Mentre fuori la vista sui tetti si tinge di rosa, dentro la sala si abbassano le luci e comincia la proiezione di un video, sobrio ed elegante come l'uomo di cui oggi celebriamo l'85° compleanno: Renato Pollini. Immagini e voci per raccontare i passaggi principali di una vita importante, a cominciare dalle prime esperienze di amministratore.

Pollini fa parte di quella generazione di politici che ha costruito la democrazia italiana a partire dalle fondamenta. Già nel 1946, a 21 anni, consigliere provinciale, poi assessore ai lavori pubblici, fino all'elezione, nel 1951, asindaco della sua città, Grosseto. Primo cittadino a 25 anni: come dirà lui altermine di questa riunione, con la sincera umiltà che gli è propria, un "azzardo", di quelli che riescono. Sindaco dal 1951 al 1970, Pollini è riuscito a cambiare la città, seguendo sempre la stella polare degli interessi generali, della qualità della vita dei cittadini, del progresso economico, civile della comunità. Il piano regolatore, innanzi tutto: quando in tante città del nostro paese si affermava uno sviluppo sregolato e predatorio che avrebbe lasciato danni difficili da recuperare, a Grosseto si perseguì da subito l'obiettivo di "una città senza periferie", non nel senso di una rimozione o negazione della realtà, ma in direzione di uno sviluppo "a dimensione umana".



continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. compleanno tesoriere pollini

permalink | inviato da ugosposetti il 12/2/2010 alle 18:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Vita e opere di «Giancarlo» tesoriere di partito
20 settembre 2009, in Primo piano

La figura dei funzionario di un’organizzazione politica è da sempre rappresentata come quella di una persona grigia e senz’anima. Non è così.

In questi giorni ricorrono due anniversari significativi che riguardano una persona quasi del tutto ignota alle cronache. Giancarlo Berruti, tesoriere dei Ds di Savona, presidente della Fondazione Centofiori, compie 70 annidi vita e 40 annidi attività politica.

Ne parlo non solo perché a lui mi lega un rapporto di affetto e di profonda stima, ma perché mi sembra un’occasione utile a restituire qualche frammento di verità alla rappresentazione pubblica della figura dell’amministratore di un partito. Individui misteriosi, dallo sguardo cupo, vestiti di grigio e votati alle congiure, allergici al lavoro, diabolicamente capaci di succhiare risorse pubbliche derivanti dal sudore e dalla fatica dei cittadini: una categoria di parassiti privilegiati.



continua >>
A tutto campo
27 giugno 2009, in Primo piano

Intervista pubblicata su Il messaggero - Viterbo

Partendo dall’indignazione per quanto è accaduto sabato scorso a San Martino durante il concorso indetto dalla Asl per 20 posti di operatore socio sanitario, Ugo Sposetti analizza la situazione politica nazionale, ma soprattutto quella viterbese. E afferma che la gente deve tornare a indignarsi quando le cose non funzionano. Poi ammette che nel Pd le divisioni ci sono. «Ma io - ribatte - ho sempre lavorato per il partito, e non per una parte di esso».Illuminato? No, soprattutto indignato. Per come è stata gestita la prova d’esame del concorso per operatore socio sanitario alla Asl viterbese, svoltasi sabato scorso a palazzo Doria Pamphili di San Martino. Che sta provocando una marea di polemiche.
Ugo Sposetti, un pedigree da politico d’alto rango che - in età matura - ha deciso di rioccuparsi in prima persona della Tuscia, non usa mezzi termini: «Sì, sono indignato - ribadisce - con la Asl e col Comune. Per come sono stati trattati 1.200 giovani, convocati in un luogo non adatto per conquistare appena 20 posti di lavoro. Senza servizi adeguati e con i vigili urbani che intervengono pure per fare le multe».



continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd congresso sposetti asl viterbo

permalink | inviato da ugosposetti il 27/6/2009 alle 16:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il Pd ha bisogno di una sala-macchine
27 maggio 2009, in Primo piano
Caro Direttore, provo a seguire il ragionamento svolto da Andrea Romano sui nicodemiti del PD, ma non riesco a rassegnarmi all’alternativa secca che sembra proporci tra una lunga, dolorosa agonia e un decesso volontario, spettacolare e magari anche fecondo. Naturalmente non entro nel merito dell’articolo, che attribuisce segrete pulsioni di morte a una ipotetica e, (sono attento per gli scongiuri…) indeterminata quantità di anonimi dirigenti. Ma voglio approfittarne per ragionare del nostro partito, e di qualche prospettiva a breve e a medio termine. Sul lungo periodo, com’è noto, non ci saremo più, eppure questo fatto incontestabile non riesce a placare la sete di sangue di chi ritiene che tale esito sia da accelerare. Identità, struttura, strategia: sono questi i temi che dovremo affrontare, comunque vadano i prossimi appuntamenti elettorali, per far crescere, in tutti i sensi, il nostro partito e costruire l’alternativa alla destra. Sono stati ripetutamente elusi in fase di gestazione, arrivando a elaborare nuove categorie interpretative pur di non occuparsene: un partito post-identitario, ricco di posizioni “prevalenti” e coscienze rumorose, ma deliberatamente privo di una linea; liquido, finanche gassoso purchè non radicato; libero e solo, ma così buono da non tagliare solo le amicizie sbagliate.

continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd sposetti romano

permalink | inviato da ugosposetti il 27/5/2009 alle 11:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Risorse per la politica
11 marzo 2009, in Primo piano

Il mio intervenuto nell'aula di Montecitorio per difendere l'articolo 49 della Costituzione.

Signor Presidente, ho ascoltato con molta attenzione le riflessioni che alcuni colleghi hanno voluto rivolgere a un tema molto significativo ed importante per la vita di una democrazia, relative a due argomenti: la partecipazione popolare e come la partecipazione popolare si può affrontare ed esplicitare.

Condivido le preoccupazioni del collega Tabacci: ci stiamo incamminando su una china molto pericolosa, perché alcune affermazioni non possono essere da me condivise e penso che non possano essere condivise dalla stragrande maggioranza di quest'Aula.

Signor Presidente, la proposta emendativa in esame era stata già da me presentata in una precedente occasione, ma allora non mi fu possibile neanche esplicitare le mie argomentazioni. Oggi vedo un clima che porterebbe il mio articolo aggiuntivo ad essere respinto e siccome stiamo parlando della politica, della democrazia e della vita dei partiti non desidero assolutamente che questo articolo aggiuntivo venga respinto dall'Aula, nel clima di questa china pericolosa cui accennava il collega Tabacci.



continua >>
E ora cosruiamo il Pd.
28 novembre 2008, in Primo piano
Carissime, carissimi,
mai come in questa fase lo sguardo dei cittadini è stato così attento ai temi economici e sociali. Una discussione a cui assistiamo quotidianamente.
Una discussione che avviene anche , in verità con maggior coinvolgimento diretto nelle famiglie e nei luoghi di lavoro. Si discute insomma ovunque nella società italiana come è giusto che sia delle difficoltà , delle preoccupazioni delle attese che questa difficile situazione provoca.
Il Pd sta conducendo una battaglia sui contenuti della manovra finanziaria e sui provvedimenti anti crisi proposti dal Governo.
Abbiamo presentato proposte concrete nell’interesse del paese che crediamo possano aiutare il rilancio dell’economia di impresa e il sostegno dell’economia reale.
La manifestazione del 25 ottobre è la dimostrazione della grande mobilitazione che siamo riusciti a creare nel Paese.
Da Viterbo sono partiti 12 pullman. Un camper attrezzato ha percorso in lungo e in largo tutta la Provincia. Abbiamo mostrato la nostra capacità di ascolto e di dialogo.


continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. partito democratico primarie cuperlo

permalink | inviato da ugosposetti il 28/11/2008 alle 11:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Il nome della Festa
6 agosto 2008, in Primo piano
Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito.
Gabriel Garcìa Màrquez

Una settimana fa ho ricevuto, via sms da Bologna, la seguente notizia: i compagni di Filo d’Argenta, non proprio entusiasti del cambiamento del nome della loro festa, hanno deciso di rifarsi erigendo una torre alta 15 metri, che sostiene una bandiera rossa di 6 metri per 4. Leggendo quanto ha di recente affermato Tonini, sulla opportunità di elaborare una nuova liturgia politica attraverso la cancellazione del tradizionale comizio di chiusura della Festa nazionale di settembre - sostituito dalla conferenza conclusiva della summer school del PD - mi è tornato in mente quel messaggio così breve, eppure così denso di storia e di simboli.


continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. feste de l'unità

permalink | inviato da ugosposetti il 6/8/2008 alle 15:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Relazione sulla gestione del Rendiconto Ds al 31/12/2007
30 giugno 2008, in Primo piano
Il compito che ci aspetta, consegnare alla Storia la nostra “storia”, è entusiasmante: comporre i frammenti di cui sono ricche le sezioni e le federazioni, ricercarli nelle case, nei cassetti e nei computer di tanti militanti del Partito per arrivare a scrivere un Libro di cui tanti siano i protagonisti, e di cui si senta parte anche chi non ha avuto il privilegio di vivere quelle vicende in prima persona. L’archiviazione del materiale che appartiene al passato può apparire procedura prettamente tecnica, ma così non è. La memoria condivisa di una grande vicenda collettiva dipende anche, se non soprattutto, dalla capacità di conservare e trasmettere i segni, le tracce, e le molteplici testimonianze di quella tradizione e cultura. L’idea che le generazioni a venire matureranno della storia della sinistra italiana transiterà anche da questo patrimonio. Dal volantino della Festa de l’Unità di sezione insieme ai documenti di gruppi dirigenti, sarà la perizia che metteremo nel riordinare le fotografie, le bandiere, le targhe, sarà la pazienza con la quale abbiamo conservato elenchi di nomi, pezzi di carta e ritagli di giornale che parlerà per noi e racconterà di noi. Sarebbe bello mettere in qualcuna di quelle 4215 scatole, inviate alle organizzazioni territoriali per l’archiviazione, affetto, ricordi, fatiche, storie, gioie, sacrifici, illusioni, dedizione, passione, amarezze, aneddoti della quotidianità delle compagne e dei compagni che hanno accompagnato in vari tempi e in mille modi la storia del più grande Partito della Sinistra europea. Non è detto che non si trovi un modo per fare anche questo! Non disperiamo. Per ora gli oggetti e le carte devono parlare di noi: è attraverso quelle relazioni scritte di notte, spesso a mano, nei punti delle cuciture pazienti e precise della bandiera nascosta nel divano durante il periodo fascista, nelle mille pieghe della foto che era meglio nascondere ma non buttare, che si legge l’affetto.

continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ds sposetti assemblea

permalink | inviato da ugosposetti il 30/6/2008 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
«Le Feste dell’Unità, grande movimento di vita politica»
29 maggio 2008, in Primo piano
Voglio mandare un messaggio a tutti quelli che ho conosciuto in questi anni alle Feste dell’Unità, a quelli con cui ho lavorato e a cui sono legato da affetto e stima.

La discussione in corso non mi piace. E’ una discussione tra persone che non conoscono il significato delle Feste dell’Unità, non sanno quanta fatica e passione e lavoro contengano. Dispiace che molti tra quanti in questi giorni ne commentano il futuro non conoscano queste straordinarie realtà.

Non voglio aprire polemiche. Mi piacerebbe invitare queste persone una a una, accompagnarle nei padiglioni e nei ristoranti per discutere e ascoltare. Si accorgerebbero che quelle Feste sono un osservatorio privilegiato per leggere la realtà. Un grande movimento di vita politica, popolare, partecipato

continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sposetti feste dell'unità

permalink | inviato da ugosposetti il 29/5/2008 alle 13:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Come voglio cambiare Viterbo
18 marzo 2008, in Primo piano
Questo è il mio programma per la città di Viterbo.

Un programma che si propone di dare riposte positive ai bisogni dei cittadini, per dare risposte adeguate ai problemi nuovi e irrisolti che si pongono in questa particolare fase. Un programma che tende ad esaltare il ruolo del Comune, rendendone partecipe l’insieme della comunità viterbese.

Un programma per il rinnovamento e lo sviluppo, nella convinzione che tra cinque anni la nostra città sarà diversa e migliore.

Il cuore antico dei nostri valori, della nostra storia e cultura che conferiscono identità e riconoscibilità a Viterbo, va armonizzato con l’apertura al futuro e alle trasformazioni necessarie. Nel segno di questi valori bisogna guardare agli anni a venire.

Vogliamo far crescere insieme i diritti del lavoro, la competitività del sistema economico, la libertà e la responsabilità sociale delle imprese, la sostenibilità ambientale.


continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sindaco ugo sposetti programma viterbo

permalink | inviato da ugosposetti il 18/3/2008 alle 16:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


Sfoglia aprile